Home / Hera / Come fare una voltura o subentro con Hera

Come fare una voltura o subentro con Hera

heracomm

Le operazioni di subentro e di voltura sono senza dubbio motivo di incertezza e possono addirittura bloccare in alcuni casi alcuni passaggi di intestazione da un operatore all’altro o tra singoli semplicemente per mancanza di voglia del cliente di mettersi in discussione o perdere tempo dietro diverse procedure.

Documentazione, costi, tempi e modalità di voltura e subentro sono infatti spesso nascosti da veli di incertezza. Le operazioni invece, se si conoscono tutti i passaggi, possono risultare in realtà molto semplici e veloci.


Oggi ci occupiamo di come gestire le operazioni di voltura e subentro Heracomm in maniera veloce e andando a ridurre le operazioni necessarie e dunque le possibili scocciature per il cliente.

Richiesta di voltura

Con il termine di voltura si fa riferimento alla modifica di intestazione che interessa un contratto già attivo e che non comporta dunque una interruzione del servizio stesso che continuerà ad essere attivo con le stesse modalità.

Per avanzare questo tipo di richiesta è necessario disporre di alcune informazioni sull’utente, come ad esempio codice fiscale, dati anagrafici del nuovo contraente, destinazione d’uso della zona, indirizzo in cui il servizio è distribuito, indirizzo del destinatario della bolletta, matricola del contatore e relativa ultima lettura, superficie gestita dall’impianto, portata dell’impianto, indirizzo del destinatario dell’ultima bolletta.

La richiesta di voltura può essere effettuata contattando il servizio clienti al numero  verde 800999500, visitando uno degli sportelli attivi sul territorio o scrivendo via posta a

Hera, Servizio Clienti

Via Molino Rosso 8, 40026 Imola (Bo)

Altra possibilità è utilizzare il numero fax al numero 0542 843189. Per fare in modo che l’operazione abbia esito positivo, sarà necessario che il nuovo contraente non abbia a suo carico fatture insolute.

Il nuovo contratto viene dunque spedito via posta in duplice copia, una dovrà essere restituita firmata all’indirizzo indicato nell’apposita busta preaffrancata.

Richiesta di subentro Hera: modalità, tempi e costi

Il subentro, invece, si verifica quando un cliente chiede di modificare l’intestazione di un contratto cessato. In questa situazione, il contatore del servizio non è più attivo e la riattivazione prevede un appuntamento che permetterà il rispristino del servizio stesso.

Per avanzare la richiesta sarà necessario presentare alcuni documenti quali codice fiscale, dati anagrafici del richiedente, destinazione d’uso dello spazio interessato, indirizzo del luogo dove il servizio verrà erogato, indirizzo di fatturazione, matricola del contatore, superficie, potenza dell’impianto, indicazioni atte a rendere possibile l’appuntamento.

Il servizio di subentro costa 30 euro più IVA atte a sostenere la riapertura del contatore chiuso con potenza massima G6. In caso di potenza maggiore, l’importo richiesto è pari a 45 euro + iva. La riattivazione può essere effettuata previa verifica di attivazione, con essa un tecnico si occupa di testare la qualità dell’impianto stesso, la sua tenuta e la sua resistenza.

I clienti Hera possono fare richiesta di subentro in vari modi.

E’ infatti possibile per prima cosa visitare la filiale più vicina, se presente per ottenere informazioni e presentare tutta la documentazione necessaria.

Una seconda possibilità è relativa all’uso dei canali a distanza. E’ infatti possibile contattare il servizio clienti al numero verde 800 999 500, via posta scrivendo all’indirizzo

Hera Servizio Clienti, via Molino Rosso 8, 40026 Imola Bo o via fax allo 0542 843189.

Se si rispettano tutte le indicazioni fornite l’operazione viene eseguita in breve tempo, bisogna solo accertarsi che il nuovo contraente non abbia contenziosi o insoluti aperti.

E’ altresì necessario che il contratto venga rispedito entro 30 giorni dalla ricezione della busta, previa la decadenza della richiesta stessa.