Home / Enel / Open Fiber: cos’è, come funziona, copertura e costi

Open Fiber: cos’è, come funziona, copertura e costi

Open Fiber cosa e come funziona quanto costa verifica copertura

Internet è stata negli ultimi anni protagonista di una fondamentale rivoluzione, non solo tecnologica, ma economica e sociale.

Oggi per molti di noi sarebbe impensabile rinunciare a Internet. La rete delle reti da accesso a una miriade di informazioni, servizi e opportunità.


Poter accedere ad Internet ha cambiato in modo rilevante le nostre vite e ha semplificato molti aspetti delle stesse.

Oggi diamo per scontate cose che fino a pochi anni fa sarebbero state considerate fantascientifiche, come lavorare da casa, prenotare un volo o un hotel in totale autonomia, ascoltare musica o vedere film ovunque si voglia, magari dal proprio telefono, mentre si sta andando in treno al lavoro.

Internet ha avuto e sta ancora avendo un impatto sociale rilevante, non cambia solo le abitudini dei più giovani, ma lentamente quelle di tutti.

Se in linea teorica questi concetti sono chiari e ben noti, in pratica ci sono però ancora tante zone, in particolare in Italia, dove collegarsi ad Internet e avere un semplice e rapido accesso a tutte le opportunità che offre, non è così scontato.

Se nelle grandi città da anni si può ormai fare affidamento su linee veloci e affidabili, in molte altre aree le cose stanno diversamente.

Altri paesi sono molto più avanti del nostro su questo fronte, ma per fortuna giorno dopo giorno la diffusione della fibra ottica avanza anche da noi.

Tra le novità più rilevanti in questo settore c’è senza dubbio, grazie allo sforzo di Enel, la nascita e la diffusione di Open Fiber.

Molti operatori telefonici e in primis Telecom, hanno le loro reti di fibra ottica, ma spesso queste non arrivano nei singoli edifici, creando quindi all’utenza non pochi problemi che si traducono nell’impossibilità di attivare un contratto con navigazione veloce o in limitazioni o riduzioni rilevanti di velocità.

Open Fiber, grazie all’uso dell’infrastrutture di rete elettrica Enel, può in molti casi essere una valida soluzione.

Cos’è Open Fiber?

Open Fiber un progetto lanciato dal Gruppo Enel per fornire direttamente piani in fibra ottica, ma soprattutto per affittare la sua infrastruttura ai provider italiani, permettendo così ai fornitori di connettività di raggiungere un maggior numero di clienti e di poter garantire loro connessioni notevolmente più veloci.

Essendo Open Fiber un progetto Enel, può sfruttare la capillarità della rete elettrica, per far passare cavi in fibra ottica che possono arrivare fino nelle case delle persone, il tutto senza complesse e costose operazioni di scavo.

Alcuni Comuni italiani, come quello di Roma, hanno già stretto accordi con Enel per spingere la diffusione della fibra ottica, estendendo in modo molto considerevole la possibilità per i cittadini di attivare contratti per la fornitura di connessioni veloci.

In ogni caso Open Fiber è presente praticamente in tutte le città italiane e spesso rappresenta la migliore soluzione per avere un accesso alla connessione con fibra ottica anche in edifici lontani dalla centralina Telecom.

Verificare la copertura Open Fiber

Vari operatori italiani, tra i quali Tiscali, Vodafone, Wind e Tre si appoggiano alle reti Open Fiber.

Un modo per sapere se casa nostra è coperta dal servizio è quindi quello di usare i tool per la verifica della copertura sul sito del nostro operatore preferito o comunque di quello che ci offre il prezzo più vantaggioso.

Un’alternativa molto valida è verificare la copertura direttamente sul sito openfiber.it dove basterà indicare il proprio Comune e il proprio indirizzo, compreso il numero civico, visto che la copertura può cambiare per singolo edificio.

Un altro modo valido e forse ancor più semplice e rapido è verificare se vicino ai contatori Enel o altri contatori di casa nostra, si trovano già delle centraline con la scritta Open Fiber.

Come funziona Open Fiber e quanto costa

Se sottoscrivi un contratto per Internet veloce, con un qualsiasi operatore che ti garantisce l’accesso al servizio da casa o dall’ufficio, questo potrebbe appoggiarsi alle reti Open Fiber.

Se il tuo operatore usa Open Fiber, quando i tecnici ti porteranno e installeranno il router faranno anche passare un cavo in fibra ottica, dal contatore Enel o più precisamente dalla centralina Open Fiber accanto al contatore, direttamente dentro casa tua, collegandolo al router stesso.

In questo modo avrai la possibilità di navigare ad elevate velocità che ti consentiranno, ad esempio, di vedere film in streaming o di partecipare a video conferenze o giocare online, senza rallentamenti o fastidiose disconnessioni.

Veniamo ai costi. I vari operatori hanno stretto accordi con Open Fiber e ne usano le infrastrutture dietro pagamento di un affitto.

Questo potrebbe incidere sulla tua bolletta, ma in genere in modo non particolarmente rilevante.

In ogni caso la cifra che pagherai mensilmente per l’uso della fibra ottica sarà quella prevista dal contratto con il tuo operatore e potrai facilmente metterla a confronto con le tante offerte del settore.