Home / Sky / Netflix arriva su Sky Q con l’“Intrattenimento Plus”

Netflix arriva su Sky Q con l’“Intrattenimento Plus”

Netflix Sky Q Cos e attivazione costi

Forse pochi sanno la storia di Netflix, che è una realtà nata nel lontano 1997 e che all’inizio non è stata concepita come una piattaforma di contenuti streaming come è ora, ma come un servizio semplice di noleggio dvd e le vecchie vhs e anche videogiochi, attraverso la posta.

Il business ha stentato a decollare all’inizio e ha avuto un balzo quando i gestori del business decisero di offrire agli utenti un abbonamento illimitato.


La svolta decisiva avviene nel 2009 quando viene attivata una piattaforma streaming, per guardare un numero altissimo di film e serie tv e soprattutto nel 2011 quando viene prodotta la prima serie tv a firma Netflix e cioè House of Card, che ottiene un successo clamoroso.

Netflix Italia negli ultimi anni ha raggiunto un numero elevatissimo di abbonati, grazie ai massicci investimenti e grazie al fatto che vuole iniziare delle produzioni completamente italiane, per arricchire l’offerta e per rendere la versione italiana di questa grandissima piattaforma molto diversa e riconoscibile da quella americana.

Un altro passo per aumentare gli abbonati e per non farsi mettere in difficoltà dalla concorrenza è stato fatto da poco tempo quando  è stata presa la decisione di arrivare a un accordo con Sky.

L’azienda Sky, guidata dall’amministratore delegato Andrea Zappia, sulla scia dell’accordo con DAZN, ha deciso di mettere a disposizione per i suoi clienti i contenuti di Netflix, in modalità diverse e che andremo a vedere nel prossimo paragrafo.

I termini precisi dell’accordo tra SKY e NETFLIX

Come accennavamo in precedenza gli abbonati SKY avranno la possibilità di gustarsi grazie al loro abbonamento, le migliori serie Netflix e che stanno spopolando in tutto il mondo come per esempio Narcos, 1994, Stranger Things e la nostra Gomorra, nata da un’idea di Roberto Saviano e che è diventata prima un film diretto dal talentuoso regista italiano Matteo Garrone.

Dal 9 ottobre 2019 per i clienti Sky Q è possibile fruire dei servizi Netflix direttamente da Sky Q e guardare le serie tv della piattaforma americana oltre a quelle targate Sky, pagando un solo abbonamento.

L’accesso a Netflix direttamente da Sky Q è possibile attivando l’offerta Intrattenimento Plus, a un costo di soli 9,99€ per i clienti con Sky Famiglia e 15,39€ per chi non dispone già di questo pacchetto.

Inoltre, la piattaforma televisiva satellitare ha fatto sapere che entro dicembre 2019 sarà possibile attivare Intrattenimento Plus anche per chi effettuerà l’abbonamento a Sky.

Altra cosa molto importante da ricordare : per chi attiverà questa nuova offerta Sky, sarà possibile usufruire del piano standard Netflix, il cui costo per gli abbonati Netflix è normalmente 11,99€, e che include la visione in HD su due schermi contemporaneamente.

Per i clienti Sky Q Platinum, Intrattenimento Plus offrirà invece il piano premium di Netflix, con visione in 4K su quattro schermi contemporaneamente, che Netflix offre invece a 15,99€.

Quest’ultimo piano Netflix, comunque, può essere attivato anche da chi non ha Sky Q Platinum, aggiungendo un costo di 4€ ai 9,99€ dell’offerta.

Come attivare questa nuova offerta

Attivare l’offerta è semplicissimo ed è possibile sia per chi ha già un abbonamento Netflix sia per chi vuole attivarlo insieme all’offerta Sky: basterà accedere alla Home Page di Sky Q, cliccare su ‘Serie TV’ e selezionare l’opzione Intrattenimento Plus.

Una volta inserito il proprio codice PIN Sky Q e attivata l’offerta, sarà possibile accedere al proprio account Netflix per associarlo (senza bisogno di disdirlo) all’abbonamento Sky o creare un account Netflix direttamente da Sky Q.

Una volta attivata l’offerta e collegati gli account, il cliente potrà guardare le serie TV disponibili su Netflix sia dai dispositivi su cui usufruisce di Sky sia da qualunque dispositivo che supporti l’applicazione Netflix.

L’offerta può essere comunque disdetta in qualunque momento e i servizi forniti cesseranno di essere disponibili dalla fine del mese successivo, rispetto al momento in cui il cliente chiede di disdire e questo è un aspetto molto importante ed è stato deciso da entrambe le aziende, nell’ottica di non dare al cliente nessun obbligo vincolo, cosi come avviene agli utenti abbonati Netflix.

Questo accordo è la dimostrazione pratica che il mercato dei contenuti e delle piattaforme in streaming video è sempre più in evoluzione in Italia, anche se più lentamente rispetto che ad altre nazioni europee.