Templates by BIGtheme NET
Home / Illumia / Illumia voltura e subentro: Guida, proceudra e info utili

Illumia voltura e subentro: Guida, proceudra e info utili

illumia

Situazioni quali trasloco o nuova casa – di proprietà o in affitto- comportano la necessità di attivare o modificare le utenze di luce e gas e di altri servizi domestici e i relativi intestatari. Oggi ci occupiamo di come gestire queste situazioni nei casi in cui si voglia passare al servizio Illumia.

Parleremo quindi in questo articolo di come gestire i casi di voltura e subentro, di quali documenti presentare e di come muoversi per avanzare le proprie richieste in modo di risparmiare tempo.


Per prima cosa, però, specifichiamo la differenza tra voltura e subentro. La prima si verifica nei casi in cui è già attivo un contatore Illumia e il soggetto deve solo cambiare l’intestatario di riferimento; la seconda invece si verifica in caso di contratto che è stato cessato, e ha dunque molti punti di somiglianza con una nuova richiesta di attivazione. Ma entriamo nel dettaglio.

Subentro con Illumia

Qualora si debba avanzare una pratica di subentro con Illumia si dovranno avere a disposizione una serie di informazioni fondamentali. Nel caso di una utenza luce, sia essa di tipo privato o di tipo business, si dovrà fornire il codice POD; il nome, il cognome, la ragione sociale e i dati fiscali; l’ indirizzo della sede di residenza o legale; l’ indirizzo al quale inoltrare fatture e comunicazioni; l’ indirizzo dove è attiva l’utenza; la caratteristica dell’utenza (domestico, residente, non residente,..), il numero di telefono, l’indirizzo mail, la modalità di pagamento e l’IBAN in caso di pagamento canalizzato o tramite Rid.

Qualora la richiesta sia relativa ad un contratto di fornitura Gas, invece, bisognerà fornire il codice PDR, il nome, il cognome, la ragione sociale e i dati fiscali, l’indirizzo della sede di residenza; l’ indirizzo relativo alla ricezione delle fatture oltre all’ indirizzo relativo alla sede di fornitura. Bisognerà anche indicare il tipo di utilizzo, la categoria di uso, la classe di prelievo solo in caso di clienti business, il consumo annuo stimato, i recapiti mail e telefonici, la modalità di pagamento.

E’ bene anche ricordare che le pratiche vengono gestite solo per contratti cessati su richiesta, e non per utenze sospese a causa di problemi di morosità. La richiesta può essere inoltrata direttamente online, o è possibile chiedere supporto ad un operatore semplicemente compilando l’apposito modulo presente online e fornendo nome, cognome, recapito telefonico e informazioni relative alla privacy.

Voltura con Illumia

La procedura di richiesta di subentro è simile a quella di voltura, ma è opportuno anche in questo caso specificare quale sono i documenti e le informazioni richieste. In caso di contratto Luce e gas l’utente, sia esso domestico o business, dovrà fornire il codice POD per il contratto luce e il PDR per il contratto gas; le informazioni del titolare dell’utenza (quindi nome, cognome, ragione sociale, dati fiscali), l’indirizzo di residenza del soggetto, l’indirizzo presso il quale verranno erogati i servizi, i contatti mail e telefonici del richiedente, le informazioni sul legale rappresentante e il suo documento in caso di cliente business, la tipologia di pagamento richiesto (e il codice Iban in caso di domiciliazione bancaria), la lettura del contatore e la relativa data in caso di servizio gas.

L’operazione può essere richiesta contattando direttamente il servizio clienti Illumia via mail, all’indirizzo servizioclienti@illumia.it, o telefonicamente al recapito 800 046 640 da fisso o 051.0404040 da dispositivo mobile.

Per entrambe le operazioni verranno bloccati i dati tecnici del contatore e quindi potenza e tensione resteranno invariati. In termini di costi, invece, gli stessi potrebbero leggermente variare, nel rispetto comunque delle indicazioni fornite dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas che hanno fissato il costo a 23 euro.