Templates by BIGtheme NET
Home / Eon / Eon voltura e subentro: guida e metodi per effettuare la procedura

Eon voltura e subentro: guida e metodi per effettuare la procedura

eon

Oggi scopriamo insieme come i clienti Eon possono gestire le operazioni di voltura e di subentro.

La modalità, lo anticipiamo, è davvero semplice e veloce. Le uniche accortezze richieste al cliente sono relative alla necessità di verificare bene quali documenti allegare e quali sono solo informazioni da fornire all’azienda.

Entriamo meglio nel dettaglio e capiamo come fare a livello pratico per chiedere una voltura.


Come fare la voltura Eon

Se avete cambiato da poco casa e dovete intestare le utenze luce e gas, ancora attive ma intestate al vecchio inquilino, dovete provvedere ad inoltrare una richiesta di voltura.

La richiesta può essere inoltrata contattando il numero verde 800 999 777 o visitando personalmente uno degli sportelli sparsi sul territorio.

Il cliente dovrà in ogni caso fornire alcune informazioni fondamentali. Le prime sono relative al richiedente che dovrà indicare nome, cognome, luogo e data di nascita e partita Iva, oltre che mail e recapito telefonico.

Il secondo gruppo di informazioni riguarda invece il cliente uscente che dovrà fornire le proprie generalità.

Si passa poi alle informazioni direttamente legate all’utenza. Al cliente viene in questo caso chiesto di fornire codice POD o PDR.

Questi riferimenti possono essere reperiti direttamente sulla bolletta o in alternativa sul contatore stesso; del contratto deve essere fornita anche l’ultima lettura al momento della richiesta.

I clienti che richiedono la canalizzazione bancaria o postale, dovranno fornire anche il proprio iban.

Alla richiesta dovrete allegare oltre alla copia dei vostri documenti personali, anche quelli del soggetto uscente e una copia dei documenti catastali.

Come fare il subentro con Eon

Il subentro è invece l’operazione che deve essere richiesta quando un soggetto subentra in una residenza dove le utenze sono state ormai disattivate.

Le informazioni richieste sono sostanzialmente le medesime di quelle sopra citate. Le fasi che vi troverete ad attraversare sono sostanzialmente uguali a quelle legate ad un processo di prima attivazione.

Il tutto ha infatti inizio con la vostra richiesta di subentro. Eon verificherà la correttezza dei dati forniti e le caratteristiche dell’utenza, oltre che il suo storico.

A quel punto al cliente verrà notificato lo stato della fornitura e il suo nuovo stato di clienti Eon. Dopo uno o due mesi l’utente riceverà la prima fattura Eon.

A chi rivolgersi: l’assistenza clienti di Eon

I processi di richiesta sono dunque semplici, intuitivi e veloci. Qualora ci sia comunque la necessità di avere supporto sarà possibile contattare l’azienda.

I clienti domestici possono utilizzare un numero verde attivo 24 ore su 24 tutti i giorni, festivi compresi, il numero è 800 999 777.

In alternativa ci si può rivolgere ad uno dei numerosi sportelli presenti sul territorio. Se non sapete dove sia l’ufficio più vicino a voi potete visitare il sito Eon, nella sezione contatti. Da qui sarà possibile selezionare la regione e la provincia, per trovare l’ufficio  a voi più comodo.

Gli sportelli sono al momento presenti sono in Lombardia, Emilia Romagna, Lazio,  Friuli Venezia Giulia, Marche, Piemonte, Umbria, Veneto.

Dal menù a tendina dovete quindi selezionare prima la regione, poi la provincia. la mappa sotto vi indicherà tutti i vari sportelli presenti in maniera intuitiva e immediata. Nell’elenco sotto invece si trovano i dettagli di ogni filiale: città quindi, indirizzo completo, numero di telefono, orario di apertura giorno per giorno.